Corda: ” Tornare al successo e cancellare Agropoli. Gibilterra e Salines a casa “

Alla vigilia di Foggia-Nocerina, consueta conferenza stampa del tecnico rossonero Corda. Queste le sue principali dichiarazioni:

Ad Agropoli abbiamo toccato il fondo, è stata una partita disastrosa: è un obbligo morale vincere, domani dobbiamo fare una grande partita per dimostrare che non siamo quelli di domenica ma quelli di prima. Sono comunque fiducioso su questo, abbiamo fatto una settimana migliore di quella di Agropoli. Le pressioni qui a Foggia ci sono sempre, a prescindere, e noi – a prescindere – abbiamo l’obbligo di vincere. Quando io non vinco ci sto male ed è giusto che ci stia male anche la squadra. La Nocerina ha fatto bene in trasferta, è in ottima condizione, è competitiva, ha in Liurni il suo uomo migliore, è da rispettare. Sappiamo però che i tifosi ci tengono molto a questa gara e dobbiamo fare tre punti. Dobbiamo ritrovare voglia, spirito e cattiveria agonistica, quella sparita ad Agropoli. Il mercato? Sono soddisfatto ma il voto lo darò solo a maggio. In attacco eravamo pochi numericamente e sono arrivati giocatori per migliorare, non per “riparare”. Bruno El Ouazni sta bene, ci potrà dare una grossa mano, l’ho fortemente voluto per le caratteristiche che completano il nostro reparto. Ha voglia, è strutturato, lotta su ogni pallone, ha qualità realizzative e si fa rispettare. Si è presentato con grande spirito. Allegretti deve accelerare il recupero, ma mi ha garantito che da martedì sarà in squadra. Prenderemo ancora un 2001, non mi risulta l’interesse per un «Over» del Trapani. Salines e Gibilterra hanno fatto malissimo ad Agropoli ed hanno fatto altrettanto male in settimana per cui se ne staranno a casa. Tortori ha saltato solo un giorno di allenamento e giocherà con la mascherina. Gentile è tra i convocati ma sarà assente per un problema al ginocchio che si è infiammato di nuovo. Il campionato? Per altre cinque sei partite vediamo se anche Taranto e Casarano potranno dire la loro. Sarà comunque un torneo livellato sino alla fine. Noi dobbiamo stringere i denti in questo momento, ma poi quando tutti saranno in condizione potremo accelerare. Ci saranno i tifosi e voglio per questo ringraziare l’avv. Chiacchio, un numero uno in Italia. Mi aspetto un pubblico caldo e deciso, ma con rispetto perché il campo è diffidato.”

 

La Redazione