Il Foggia batte il Brindisi (1-0) ed avvicina il Bitonto che cade in casa. Da questa sera si può tornare a sognare

In settimana avevamo parlato di giornata che poteva essere favorevole ai colori rossoneri con il Foggia impegnato in casa con il Brindisi ed il Bitonto che aveva un compito sicuramente più arduo con l’Audace Cerignola che, al Città degli Ulivi, si giocava le residue chances di reinserimento nella lotta promozione. Beh avevamo visto giusto se è vero che i rossoneri hanno fatto il loro dovere piegando, se pur di misura, il Brindisi allo Zaccheria ed i gialloblù di mister Feola hanno addirittura espugnato Bitonto con un guizzo di bomber Rodriguez. Alla luce di questi risultati la classifica questa sera dice che il Bitonto è sempre capolista del girone H di serie D ma che le lunghezze di vantaggio sul Foggia si riducono appena a due punti. Si riaprono i giochi promozione ed i ragazzi di mister Corda hanno la possibilità concreta di rincorrere la vetta della classifica con più decisione e convinzione. Ma veniamo al match di questo pomeriggio. Gara giocata in un clima surreale con gli spalti deserti per le note decisioni del Giudice Sportivo all’indomani del derby con il Cerignola. Mister Corda squalificato, in panchina Cau, propone alcune novità di formazione. Fuori Carboni infortunato, Tortori e Di Jenno cominciano dalla panchina. Dal primo minuto Anelli, Cadili, Ndiaye e Russo. L’inizio del match slitta di circa dieci minuti in un pomeriggio soleggiato con il terreno di gioco in ottimo stato. Diciamo subito che non è stato il miglior Foggia quello visto all’opera questo pomeriggio ma il gruppo ha avuto il merito di sfruttare le poche occasioni create ed è riuscito a portare a casa un successo di fondamentale importanza. E a dieci giornate dalla conclusione del Campionato il Foggia ha conquistato ben 51 punti, alla media di 2,20 punti a gara, e con la vetta a due sole lunghezze non ce la sentiamo di condannare chi, attraverso il lavoro e le sue idee, sta portando i rossoneri a giocarsi la promozione diretta. Oggi la formazione ha costruito davvero poco in termini di occasioni facendo un notevole passo indietro rispetto alle gare precedenti con Cerignola e Taranto ma è anche vero che questi ragazzi hanno raccolto nove punti nelle ultime tre giornate. Per uscire da questa categoria servono i punti.

La gara

Inizio soporifero del match senza grosse emozioni. Al 7′ ammonito Dario per una brutta entrata su El Ouazni. Al 10′ è proprio El Ouazni a sparare alto su imbeccata di Gerbaudo. 21′ Altro ammonito nel Brindisi. Merito commette fallo su Viscomi e rimedia il giallo. 31′ Calcio di punizione per il Foggia dal vertice sinistro dell’area di rigore avversaria. Batte Gentile e sfera deviata in angolo da Pizzolato. 35′ Ianniciello cincischia e favorisce la ripartenza di El Ouazni che al momento di concludere si fa anticipare da un difensore del Brindisi. 37′ Ammonito Escu nel Brindisi. 43′ La svolta della gara. Palla in area per El Ouazni che controlla la sfera e nel tentativo di concludere verso la porta di Pizzolato viene atterrato sotto gli occhi del Direttore di gara. Calcio di rigore. 44′ Dal dischetto capitan Gentile che mette a sedere Pizzolato ed infila la rete brindisina. 1-0. Dopo un minuto di recupero squadre negli spogliatoi.

La ripresa

Squadre in campo con gli stessi schieramenti della prima frazione di gioco. 49′ Ammonito Cadili per gioco scorretto. 52′ Primo cambio nelle file del Foggia. Dentro Tortori esce Russo. Anche il Brindisi cambia. Mister Ciullo richiama Pizzolla e manda in campo Balsamà al 53′. Al 54′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto dal Brindisi, i rossoneri ripartono con un lancio su Tortori che viene affrontato quasi a centrocampo dal portiere Pizzolato uscito alla disperata. L’attaccante rossonero commette fallo nell’occasione e rimedia un’ammonizione. 61′ Fuori Staiano dentro Campagna nel Foggia. Risponde il Brindisi con Marangi che rileva Escu. 63′ El Ouazni viene richiamato in panchina e reagisce male alla sostituzione. Al suo posto Tedesco. Ed al 65′ è proprio Tedesco ad involarsi verso l’area avversaria e appena dentro viene steso da Marangi. Il Direttore di gara, il Signor Tesi di Lucca, assegna un secondo penalty. 66′ Dal dischetto ancora capitan Gentile che stavolta si fa intercettare la conclusione lenta e piuttosto prevedibile. 69′ Dentro Di Jenno esce Cadili. 70′ Nel Brindisi Maglie al posto di Dario. 73′ Punizione di Gerbaudo dalla destra che si spegne sull’esterno della rete. 79′ Ancora su calcio di punizione respinge la barriera del Foggia. 81′ Dentro Cuomo esce Tourè. 88′ Ultimo cambio tra gli ospiti. Fuori Zappacosta dentro Boccadamo. 90′ Sono cinque i minuti di recupero accordati dal direttore di gara. Non accadrà più nulla fino al termine ed i rossoneri portano a casa una vittoria determinante ai fini della classifica. Domenica si viaggerà alla volta di Casarano, quest’oggi sepolto dal Sorrento con ben sette reti, per dare continuità ai risultati ma soprattutto per cercare di ritrovare uno smalto migliore rispetto a quello di questo pomeriggio.

Il tabellino

Agli ordini del Signor Leonardo Tesi della sezione A.I.A. di Lucca, ecco gli schieramenti in campo di Foggia-Brindisi:

Foggia: Fumagalli, Kourfalidis, Anelli, Gentile, El Ouazni (62′ Tedesco), Russo (51′ Tortori), Viscomi, Gerbaudo, Staiano (60′ Campagna), Ndiaye, Cadili (68′ Di Jenno). A disposizione: Di Stasio, Cittadino, Tortori, Allegretti, Tedesco, Campagna, Salines, Di Jenno, Cipolletta. Allenatore: Roberto Cau.

Brindisi: Pizzolato, Dario (68′ Maglie), Escu (60′ Marangi), Zappacosta (86′ Boccadamo), Iannicello, Fruci, Merito, Pizzolla (52′ Balsamà), Toure (80′ Toure), Marino, Ancora. A disposizione: Lacirignola, Capone, Boccadamo, Balsamà, Nardelli, Marangi, Nocerino, Maglie, Cuomo. Allenatore: Salvatore Ciullo.

Marcatori: 43′ rigore Gentile (F)

Ammoniti: 7′ Dario (B), 20′ Merito (B), 37′ Escu (B), 49′ Cadili (F), 54′ Tortori (F), 65′ Marangi (B)

Foto Luigia Spinelli

 

Tiziano Errichiello