Foggia, con l’Agropoli i primi tre punti di stagione?

Riparte il Foggia dopo il brutto scivolone rimediato sette giorni fa all’esordio contro il Fasano. Lo fa con una nuova guida tecnica quel Ninni Corda che, dismessi i panni di Direttore Generale, ha deciso di rimettersi in gioco tornando in panchina proprio a Foggia. Un compito per niente semplice per il tecnico di Nuoro che contro l’Agropoli questo pomeriggio cercherà di bagnare il suo esordio con il primo successo stagionale del nuovo Calcio Foggia 1920. Rossoneri che scenderanno in campo alle 15 affrontando la formazione di mister Ferazzoli che nella giornata di apertura ha ottenuto un convincente successo ai danni del Sorrento. Contro i salernitani mister Corda dovrà scegliere la migliore formazione da mandare in campo tenendo conto degli infortunati che non saranno disponibili ( Notaristefano, Buono, Lo Schiavo ) e dei calciatori in attesa di transfer (Kourfalidis e Delli Carri). Un undici capace di reggere lo stress degli interi novanta minuti per evitare cali di tensione come avvenuto a Fasano nel match di esordio. In porta Fumagalli confermato, in difesa esordio stagionale di Anelli che con Viscomi e Salines andrà a comporre il reparto arretrato. Qualche dubbio a centrocampo dove il ventaglio di scelte è molto ampio considerando anche l’inserimento degli under obbligatori in formazione. Crediamo che, nella zona nevralgica del campo, saranno confermati Salvi e Gentile con Gemmi che si gioca un posto in formazione con Cittadino. Di Masi, Campagna, Staiano e Di Jenno si giocheranno il ruolo di esterni dei cinque di centrocampo. In avanti al recuperato Iadaresta potrebbe essere affiancato il bomberino sardo Cannas. Ma vedremo alle 15 quali saranno state le scelte del tecnico rossonero. Fondamentale cominciare a vincere ed incamerare i tre punti che, oltre che regalare fiducia ed entusiasmo, servirebbero per tenere una posizione classifica ideale in attesa di tempi migliori sotto il profilo della condizione fisica ma anche del reperimento sul mercato di quei due tre tasselli importanti che ancora mancano a questo gruppo già di per sé importante. Si attende anche una buona cornice di pubblico allo Zaccheria che, con oltre 4000 abbonati, promette il giusto e caloroso sostegno ai rossoneri.  Grinta, cuore e umiltà per calarsi definitivamente nella realtà della serie D che da queste parti vorremmo lasciare al più presto.

Tiziano Errichiello