La mobilitazione dei tifosi per aiutare squadra e società rossonera

Il Foggia calcio sta giocando due partite una sul campo, per centrare l’obiettivo salvezza, e l’altra fuori dal campo, per evitare i problemi economici. E mentre il sindaco riunisce in un vertice al comune tutti i rappresentanti locali, anche i tifosi si mobilitano sul web per aiutare il Foggia. C’è chi sui gruppi organizzati su Facebook sta proponendo di recarsi presso lo store del Foggia calcio ed acquistare qualcosa per aiutare la società, ma lo si può fare anche via web, inoltre, sono stati inseriti gli hashtag #AiutiamoilFoggiaCalcio e #UniticiSalveremo2volte. “Siamo in tanti -scrivono i tifosi- e se ognuno facesse un acquisto nello Store sul sito ufficiale del Foggia Calcio o in uno dei due punti vendita cittadini riusciremmo a contribuire materialmente alla causa rossonera”.
Intanto, come già abbiamo pubblicato in precedenza, l’azienda Rosso Gargano si è adoperata per pagare subito la pubblicità della ditta allo stadio cercando di aiutare i rossoneri e magari smuovere qualche altra azienda nel fare lo stesso. Inoltre, altri tifosi fuorisede stanno acquistando il biglietto per sabato pur non potendo essere della partita e in tantissimi stanno chiedendo un IBAN dove versare donazioni spontanee. Tutte queste manifestazioni di interesse nei confronti del Foggia cercano, in qualche modo, di cancellare gli episodi di violenza che hanno provato a macchiare un amore troppo grande nei confronti di una squadra che sta passando un periodo difficile. Niente e nessuno riuscirà a cancellare quell’amore e quella passione che i tifosi rossoneri hanno nei confronti del Foggia e che dimostrano sempre sia allo stadio Zaccheria e sia fuori casa. Siamo sicuri che i tifosi, oltre che aiutare fuori dal campo la società, saranno vicini alla squadra e inciteranno i calciatori nella gara contro il Cittadella. Dei tifosi sempre presenti, che soffrono e gioiscono per questi colori meritano di stare in serie b, come lo merita questa squadra e la propria città.

Tiziana Cuttano 

© RIPRODUZIONE RISERVATA